Segnali di trading? No, una vera “famiglia” di investitori

Settimana sulle montagne russe quella appena trascorsa sui mercati finanziari.

Dopo la pessima chiusura di venerdì 10, anche l’apertura di lunedì 13 ha visto il mercato subire un deciso ribasso ammortizzato solo parzialmente nella giornata di mercoledì 15. Si è scesi poi ancora pesantemente giovedì 16 per poi assistere ad un rialzo generalizzato nella giornata di ieri, venerdì 17.

Ma qual è in questo momento, a seguito dell’andamento altalenante dei mercati finanziari, lo stato d’animo dell’investitore medio?

Sicuramente caratterizzato da molta incertezza su come comportarsi.

Le ultime decisioni di politica monetaria sia da parte della BCE che da parte della FED infatti hanno a dir poco condizionato (fortemente al ribasso) l’andamento dei mercati, generando una cosiddetta “tempesta perfetta” che si è abbattuta su tutti coloro i quali hanno in questo momento i propri soldi investiti in un qualsiasi strumento finanziario.

Il modo migliore allora per affrontare un momento come quello attuale, se vogliamo usare un termine nautico, è “navigare a vista”. Cosa voglio dire con questo?

Voglio dire che è importante innanzitutto comprendere che seppur duratura questa è una fase transitoria poiché il mercato quando meno ce l’aspettiamo si riprenderà (sperando magari in qualche spiraglio distensivo sul fronte russo-ucraino).

Questo però non basta perché è di fondamentale importanza avere una strategia ben definita per “attaccare il mercato” in modo tale da risollevare magari posizioni aperte che si trovano attualmente in perdita, così come segnalatomi da diverse persone che ormai utilizzano la mia mail anche solo per fare una semplice chiacchierata utile magari a dissipare quei dubbi e quelle incertezze che troppo spesso spingono l’investitore medio ad abbattersi, inducendolo così a compiere azioni affrettate e dettate dalle travolgenti emozioni del momento che lo portano purtroppo a perdere denaro, arricchendo così le tasche di chi è in grado di sfruttare al contrario queste particolari fasi del mercato a proprio vantaggio.

Chi invece fa parte da ormai diverso tempo della community dello Sket System sa che in qualsiasi momento può sempre contare sul mio supporto sia a livello operativo che soprattutto umano, perché uno dei punti di forza che mi permette ad oggi di avere, nonostante una situazione come quella attuale, decine di iscritti al mio servizio, è proprio la consapevolezza da parte del cliente di poter quotidianamente contare su una persona (io) che ci mette ogni giorno la faccia e si fa trovare sempre pronta per indicare la miglior via da seguire sia quando le cose vanno bene che soprattutto quando vanno meno bene.

Ho sempre creduto infatti che per potersi distinguere da tutta la feccia che gira purtroppo attorno al mondo degli investimenti e che danneggia irreparabilmente anche chi come me offre da ormai oltre tre anni un servizio serio e professionale, fosse necessario creare qualcosa di nuovo, qualcosa che riuscisse ad andare oltre il mero servizio di segnali di trading che chiunque, anche il personaggio più ridicolo (come ce ne sono a decine sul web), potrebbe creare.

La differenza la fa allora la voglia di lavorare ogni singolo giorno per poter offrire alla propria clientela il miglior servizio possibile, cosa questa che mi ha permesso di creare oggi quella che io considero la mia seconda famiglia, una community composta da seri investitori ai quali mi interfaccio quotidianamente e con i quali condivido gioie e dolori di un’attività come quella del trading online che riesce a infonderti quell’adrenalina in corpo necessaria per affrontare ogni singola giornata dandoti quella frizzantezza che è “VITA”.

Se sei già parte della community dello Sket System sai certamente bene di cosa parlo, alternativamente qualora tu voglia conoscere meglio la nostra community non dovrai fare altro che visitare il sito www.thesketsystem.com e contattarmi per qualunque informazione in più tu vorrai ricevere.

Buon weekend,

Dario

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.